La violenza di genere nel mito

sabine

 

“Nei miti greci gli dèi, per unirsi alle donne mortali, di regola si prendevano almeno il disturbo di rendersi visibili, assumendo qualche forma, umana o animale che fosse. Probabilmente lo faceva anche (o solo) per divertirsi […]. Le divinità romane, invece […] apparivano sotto forma di fallo. […] A Roma, insomma, le storie tra immortali e mortali non sono storie d’amore, sono semplici rapporti sessuali, di tipo assolutamente predatorio.”.
[Gli amori degli altri – Eva Cantarella]

Continua a leggere

Cleopatra, fatale mostrum.

Cleopatra

“La consorte Egizia di un condottiero Romano, erroneamente confidando nel matrimonio contratto, cadrà, ed invano avrà minacciato di asservire il nostro Campidoglio al suo Canopo.”.

                                                             [Ovidio, Metamorfosi, 15, vv 826-28]

Continua a leggere