Le favorite del Re, il popolo a Versailles.

a174657188eb95ba7a2c42af6f45ad5f

 

“Louise-Julie, Contessa di Mailly, Pauline-Félicité, marchesa di Vintimille, Diane-Adélaide, duchessa di Lauraguais. Hortense-Félicité, marchesa di Flavacourt, e Marie-Anne, marchesa di La Tuurnelle, contribuirono tutte, in maniera più o meno diretta, a iniziare il giovane all’erotismo, all’amore, alla politica, ma anche a creare quel clima di scandalo che gli avrebbe alienato il rispetto dei sudditi.”.

 
[Amanti e regine, il potere delle donne – Benedetta Craveri]

 

Continua a leggere

Emma, l’ enigma della felicità.

 

emma

“L’ avrebbe presa sotto la sua protezione; l’ avrebbe migliorata; l’ avrebbe allontanata da quelle cattive amicizie, e introdotta nella buona società; avrebbe modellato le sue opinioni e i suoi modi.”.

                                                                        [Emma-Jane Austen] Continua a leggere

Senilità, tra cecità e coscienza.

senilità

“Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla dche non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria. Parlò cioè a un dipresso così: – T’ amo molto e per il tuo bene desidero ci si metta d’ accordo di andare molto cauti.-. La parola era stata prudente […] e un pò più franca avrebbe dovuto suonare cos’:- Mi piaci, ma nella mia vita nn potrai essere giammai più importante di un giocattolo. Ho altri doveri io, la mia carriera la mia famiglia.-.”

                                                   [Senilità- Italo Svevo] Continua a leggere

Il grande Gastby, la ruggente età del jazz

 

Donna con fiore

“Giungeva musica, nelle notti estive, dalla casa del mio vicino. Nei suoi giardini azzurri uomini e donne andavano e venivano come falene tra i mormorii, lo champagne e le stelle. Durante l’ alta marea nel pomeriggio osservavo i suoi ospiti tuffarsi dal trampolino o prendere il sole sulla spiaggia bollente della sua spaggia mentre i suoi due motoscafi solcavano le acque dello Stretto, rimorchiando acquaplani tra cascate di schiuma.”.

[Il grande Gatsby- Francis S. Fitzgerald]

Continua a leggere

Mastro-don Gesualdo, la religione della roba.

Mastro don gesualdo

“Suonava la messa dell’ alba a San Giovanni; ma il paesetto dormiva ancora alla grossa. […] Tutt’ a un tratto, nel silenzio, s’ udì un rovinio , la campanella squillanite di Sant’ Agata che chiamava aiuto, usci e finestre che sbattevano, la gente che scappava fuori in camicia.”

                                                                                      [Mastro-don Gesualdo- Giovanni Verga] Continua a leggere

La fiera della vanità, le trame dell’ inganno

La fiera della vanità

“Non vedi come sono odiosi tutti i personaggi del libro? […] Quello che voglio è creare un gruppo di personaggi senza Dio nel mondo… avidi, pomposi, meschini, per lo più perfettamente soddisfatti di sè, e a loro agio riguardo alla loro superiore virtù.”.

                                                                                    [William Makepeace Thackeray]

Continua a leggere

A ritroso, il perfetto decadente.

a ritroso2

“Il suo disprezzo per l’ umanità aumentò; si acorse che il mondo, per la sua maggior parte, è composto di sacripanti e di imbecilli. Non aveva più alcuna speranza di trovare in altri le sue stesse aspirazioni e ripugnanze, di incontrare un’ intelligenza che, al pari della sua, si compiacesse di una studiosa decrepitezza.”.

 

                                                                 [A ritroso- Joris-Karl Huysmans] Continua a leggere